panorama

GeneoStoriaFavara

Stemma civico del Comune di Favara

Profilo e finalità

Home

contatto

Genealogia dei Favaresi

- emigrazione -

Memorie storiche

Curiosità storiche

Etimologia del dialetto

Album delle memorie

Dominazioni e re di Sicilia

Artisti siciliani

Vescovi della Diocesi Agrigentina

 

Blasone e gonfalone

Date memorabili

Agnello Pasquale

Civiltà scomparse

Centro storico

Castello Chiaramonte

Chiese, conventi, etc.

Famiglie e dimore storiche

Personaggi

Feste e tradizioni popolari

Fonti e bevai

Bambini proietti e ruota

Ospedali

Carceri

Sepolture e cimiteri

Macello

Biblioteca e museo

Edicole, croci, epigrafi, etc.

Prime scuole di Favara

Ferrovia

Colera morbus 1866-1867

Guerre d'Africa e guerre mondiali

 

Sindaci dal 1819 al 1946

Medici dal XVI al XX sec.

Notai dal XVI al XX sec.

Religiosi dal 1600 al 1800

Arcipreti dal XVI sec. ad oggi

Delinquenti

 

Personaggi vari

Ambrosini Alessandro

Ambrosini Gaspare

Ambrosini Vittorio

Bruccoleri Giuseppe

Cafisi Stefano

Giudice Gesuela

Girgenti Antonio

Guarino Gaetano

Indelicato Vincenzo

Internicola Michele di Pietro

Internicola Michele di Ant.no

Maniglia Francesco

Marrone Calogero

Mendola Antonio

Morello Baganella Salvatore

Palermo Camillo

Portolano Paolo

Russello Antonio

Sajeva Domenico

Scaduto Francesco

Valenti Eugenio

 

Personaggi religiosi

Bongiorno Vincenzo

Cafisi Giuseppe

Cafisi Ignazio

Castellana Pasquale

Cavaleri Antonino

Giudice Antonio

Guttadauro Bernardo

Iacolino Filippo

Licata Giosuè

Petta Alessandro

Re Bernardino

Salvaggio Antonino

Sutera Antonio

 

 

Carmelo Antinoro © 2008

 

 

PERSONAGGI RELIGIOSI

di Carmelo Antinoro

      

Cafisi Ignazio

 (arciprete, vescovo)

 

 

Vescovo Ignazio Cafisi 1762-1844Correva il dì 24 settembre 1762 ed in Favara, nella chiesa parrocchiale di Favara dalle esili colonne, sulla scranna sedeva quel venerando arciprete chiamato d. Giuseppe Cafisi. Dall'ingresso maggiore del tempio entrava un gruppetto di gente che gli presentava, per lavarlo con l'acqua santa del battesimo, un neonato, frutto dell'unione del di lui fratello dott. Salvatore Cafisi e di Isabella Franco. Lo reggeva sul sacro fonte il sac. anziano Michelangelo Avenia e qui venne chiamato Ignazio. Così come il padre, lo zio arciprete Giuseppe seguì l'infante nella crescita.

Da chierico servì la parrocchia favarese e poi conobbe le lettere, la facoltà di teologia al seminario girgentino, i canoni nel collegio dei SS. Agostino e Tommaso, fino a che venne dottorato alla Minerva di Roma, dove si condusse nel 1790 ed dove, dal cardinale Pignatelli, venne presentato al Papa Pio VI.

Ornato dal sacerdotale ordine, gli vennero trasmessi dallo zio Giuseppe i germi dell'eloquenza di Boccadoro.

Da sacerdote assistette nel 1802 alla morte di detto carissimo zio ed al cui sepolcro sovrappose una lapide con inciso semplicemente il nome.

Fu eloquentissimo sul pergamo.

Ottenne la cappellania di Maria SS. del Rosario, poi il beneficio del Transito e nel maggio del 1808 l'arcipretura della parrocchia di Favara, come successore del sac. d. Domenico Rosa.

Sostenne con zelo le cure del suo gregge, quando nel 1829 il vescovo di Agrigento mons. Pietro D'agostino lo chiamò come canonico della Vescovo Ignazio Cafisicattedrale. Nel tempo in cui coadiuvò quel prelato nella diocesi girgentina venne eletto vescovo in partibus infidelium di Eno, un dì terra dei mitici greci. Venne consacrato in Palermo nella chiesa della Martorana dall'eminente arcivescovo Gravina e dai vescovi Natale e Benso.

Quale ausiliare del vescovo di Agrigento, visitò più volte la diocesi finché sul finire del 1843 venne colpito da lungo e ferale morbo. Fece ritorno quindi a Favara per vivere gli ultimi giorni fra le cure ed i conforti dei suoi nipoti, figlioli del defunto fratello Stefano. Il 10 aprile 1844, dopo circa quattro mesi di sofferenze rese l'anima al Creatore. Nella chiesa parrocchiale ricevette solenni esequie e l'arciprete Antonino Salvaggio lesse la funebre orazione. In suo onore venne eretto nella preesistente madrice un magnifico mausoleo con l'iscrizione:

OCCIDIT PROH DOLOR ENENSIS EPISCOPVS, ATQVE FUNERAT PARENTES LACRVMIS ET ORA VIRVM.

La salma venne trasportata e tumulata nella cattedrale di Girgenti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Geneo Storia Favara